Il nome Barangaroo cela radici aborigene ma questa zona è tra le più moderne, e a mio parere tra le più belle di Sydney. È  un luogo dove ci perde a camminare tra i riflessi del sole sull’acqua, grattacieli colorati ed edifici insoliti a forma di bowl che fanno ricredere chi non pensa che Sydney sia interessante dal punto di vista architettonico. Tant’è che proprio in questa zona dovrebbe comparire in futuro anche un complesso progettato da Renzo Piano.

Barangaroo è per certi versi la scommessa di una città che vuole cambiare pagina, trasformandosi da una città tropicale associata principalmente a spiagge e parchi naturali, ad una metropoli a tutti gli effetti. Dove però, e questo è il suo bello, il futuro si rincorre sempre con le infradito ai piedi. E forse non è un caso che il quartiere più nuovo di Sydney si adagi proprio sull’acqua, la stessa acqua da cui è nata la città stessa e che ogni giorno è un via vai trafficatissimo di traghetti e crociere che fanno la spola tra Barangaroo e gli altri porti della città trasportando pendolari e turisti . La frenesia che si respira tra i moli moderni non cessa nemmeno sulla terraferma: lungo la passeggiata, ristoranti e cafè con tavolini all’aperto si riempiono di impiegati in pausa pranzo. Del resto siamo vicino alla City, a pochi passi da Darling Harbour e dai grattacieli di uffici del CBD.

Se vivete o siete in viaggio a Sydney vi invito a scoprire questo quartiere ricco di cose da scoprire.

una delle barche “vintage” ormeggiate al porto!

Cosa vedere e cosa fare a Barangaroo

Prendere parte ad un tour guidato

Se volete conoscere meglio la zona e scoprire l’affascinante storia di Barangaroo, donna aborigena ricordata per la sua grande forza e saggezza, prendete parte ad un tour guidato con la Barangaroo Aboriginal Cultural Tours in cui farete tappa nei luoghi storici più importanti del porto e non solo, compresa anche la Barangaroo Reserve.

Passeggiare nel verde alla Barangaroo Reserve

Questo splendido parco si estende lungo la costa a nord del quartiere di Barangaroo, adiacente a Walsh Bay e Millers Point,  con una distesa di prati verdi e vegetazione che si alterna a blocchi di rocce e sentieri da percorrere a piedi o in bicicletta. Il parco è oggi la cornice di tantissimi eventi: corsi di yoga e fitness in estate, mercatini di artigianato e arte aborigena, festival e tanto altro. A ridosso del parco sorge una collinetta dove si può salire per ammirare il panorama dall’alto.

Uno scorcio della Barangaroo Reserve

 

Mangiare e fare shopping

Passeggiando sulla promenade che costeggia il porto e nei viali interni troverete numerosi ristoranti, pasticcerie e negozietti dove fare shopping di qualità e fermarsi per un pranzo o un aperitivo. Da non perdere è il sensazionale edificio conosciuto come Barangaroo House: si sviluppa su 3 piani a forma di bowl incastrate una nell’altra dalle quali spuntano piante e fiori che rendono gli spazi all’aperto ancora più piacevoli. Ogni piano è dedicato alla ristorazione e al bar, con proposte diverse per ogni momento della giornata.

In questa area dedicata alla gastronomia ha spazio anche l’arte, con una splendida installazione aborigena, intitolata “Shell Wall 2015” che decora la facciata del palazzo residenziale Alexander Building: si tratta della prima opera d’arte commissionata per Barangaroo.

La promenade di Barangaroo

Ma quanto è bella la Barangaroo House?!?

 

Come arrivare

Si può raggiungere Barangaroo in vari modi. Se volete farvi una bella passeggiata, arrivate a piedi dal quartiere storico di The Rocks costeggiando il mare attraverso  Walsh Bay oppure a piedi dal vicino Darling Harbour.

In treno, la stazione più vicina è la Wynyard Station, se invece preferite un viaggio più panoramico arrivata con il traghetto da Circular Quay o da altri porti della città.