Sognate di lavorare in Australia? Che vogliate partire per un’esperienza breve, per fare un corso di studi o per trasferirvi, trovare lavoro in Australia è una della prime preoccupazioni per chi decide di partire per l’Australia. In questo articolo ho messo insieme un po’ di consigli basati sulla mia esperienza e informazioni per creare una guida completa su come trovare lavoro in Australia e quali risorse potete utilizzare.

Le otto cose da fare prima di cercare lavoro in Australia

La “ricerca” di un lavoro in Australia parte già da prima di partire. Chiariamoci, trovare lavoro in Australia dall’Italia è un’impresa non impossibile ma molto molto difficile, però ci sono alcuni passi che potete già fare prima di partire per riuscire quanto meno a conoscere meglio il mondo del lavoro australiano e prepararvi.

  1. Fate ricerca sul vostro “mercato”. Alcuni ruoli e competenze sono molto richiesti in Australia, altri meno. Perciò vi consiglio di leggere, informarvi sulle città e capire meglio dove più è probabile che riuscirete a trovare sbocchi lavorativi. Se avete competenze molto ricercate come quelle digitali ed e-commerce, potrebbe essere relativamente facile se siete disposto a lavorare da qualche area più remota dove potreste avere meno concorrenza, sebbene ci siano meno opportunità lavorative. Non c’è forse bisogno di sottolineare che Sydney e Melbourne siano le due metropoli con maggiori opportunità, ma dipende molto dal tipo di lavoro che cercate.
  2. Richiedete un visto. Sembrerà scontato ma per lavorare in Australia serve un visto, quindi inutile venire in Australia con il visto turistico e mettersi a cercare un lavoro perché, oltre che essere illegale, non verrete nemmeno considerati. I visti più popolari con cui è possibile vivere un’esperienza in Australia sono il Working Holiday Visa e lo Student Visa, che hanno regole e condizioni diverse. Naturalmente per alcune professioni è possibile sperare in una sponsorizzazione soprattutto se si tratta di professioni altamente specializzate in cui le aziende non riescono a trovare personale locale.
  3. Preparate e personalizzate il vostro curriculum e la lettera di presentazione. Anche se volete semplicemente trovare lavoro come cameriere o baby sitter, è importante preparare un curriculum adeguato e adatto agli standard australiani. Cosa significa? significa scordatevi il modello europeo e preparatevi un resumé che sia in linea con il formato usato in Australia. Su internet troverete vari modelli (cercate australian resume samples) ma per spiegarvelo brevemente gli australiani prediligono un curriculum essenziale, di massimo una o due pagine, con le informazioni generali sull’istruzione e le professioni svolte. Non date per scontato che i datori di lavoro australiani conoscano l’azienda per cui avete lavorato in Italia o sappiano perfettamente quale ruolo abbiate svolto perché talvolta il nome delle mansioni varia da paese a paese, quindi spiegate brevemente di cosa si occupava il vostro datore di lavoro e quali erano le vostre mansioni. Personalizzate il curriculum in base al lavoro per cui volete proporvi in modo che sia in linea con la professione ricercata, concentrandovi sulle vostre qualifiche per quel determinato ruolo e sui benefici che potreste apportare all’azienda.
  4. Diventate tecnologici. Mi è capitato una volta, con una grande azienda, di dover fare prima una breve chiacchierata telefonica seguita da una video-interview tramite un’app e questa cosa sta diventando più comune in particolare se vi candidate per grandi compagnie o anche solo grandi centri commerciali che utilizzano la tecnologia per fare una prima selezione.  Preparatevi quindi e munitevi di un account su tutte le principali piattaforme di comunicazione come Skype e Google Hangouts, curate il vostro profilo LinkedIn e il vostro sito web se ne avete uno per avere una marcia in più.
  5. Preparatevi a fare un passo indietro. Anche se fino a ieri eravate manager, insegnanti, ecc., è improbabile che il vostro primo lavoro in Australia sia nella stessa mansione. Accettate il fatto che potreste dover fare un passo indietro per acquisire esperienza nel mondo del lavoro australiano.
  6. Fate una lista di cosa vi serve. Ovvero provvedete ad aprire un conto corrente bancario già prima della partenza per poterlo utilizzare per lo stipendio, e pensate alle cose che vi serviranno una volta in loco, ad esempio una SIM australiana, il TFN (Tax File Number) simile al nostro codice fiscale che vi servirà per pagare le tasse. Pensate anche ai certificati che vi serviranno ad esempio se volete lavorare in bar e ristoranti cercate di ottenere al più presto il certificato RSA, obbligatorio per poter lavorare in qualsiasi locale in cui vengono serviti degli alcolici. Se aspirate a lavorare in un cafè vi consiglio vivamente di fare un breve corso appena arrivati in Australia, perché i tipi di caffè australiani sono totalmente diversi dai nostri.
  7. Dare un’occhiata ai portali di ricerca del lavoro. Ritorniamo per un attimo al primo punto e per capire meglio quali sono le possibilità lavorative e i profili più richiesti fate un po’ di ricerca su siti come SEEK e altri che vi citerò in seguito, per farvi un’idea e iniziare già a crearvi un profilo lavorativo per poter applicare.
  8. Studiate l’inglese! Non finirò mai di ripeterlo, e forse la conoscenza dell’inglese sarebbe da mettere come primo punto, ma è fondamentale sapere l’inglese per lavorare in Australia. Sembra scontato tuttavia c’è chi arriva poco preparato su questo punto. Anche se non lavorate a diretto contatto con i clienti, vi può capitare di avere colleghi stranieri con cui dover comunicare. Se siete proprio a zero e il vostro consiglio è quello di trasferirvi definitivamente in Australia vi dò un consiglio di cuore: fatevi prima un anno in Inghilterra per far pratica con la lingua e poi venite in Australia.

 

Quali lavori si trovano facilmente in Australia?

Sia il Working Holiday Visa che lo Student Visa permettono di lavorare in qualsiasi settore, ma a meno che non abbiate particolari qualifiche inizialmente sarà più facile optare per un lavoro temporaneo/casual nel settore della ristorazione e dell’hospitality; semplici da trovare sono anche i lavori di commessi, baby sitter, pulizie, edilizia, ecc.

Sebbene non sia impossibile, è difficile riuscire a trovare un lavoro in un ufficio a livello amministrativo o altri lavori più a lungo termine a meno che non si dispongano di qualifiche australiane e/o tanti anni di esperienza alle spalle. Questo è dovuto anche ad alcune condizioni imposte dai due visti: il Working Holiday Visa non consente di lavorare per più di 6 mesi per la stessa azienda, mentre lo Student Visa impone di poter lavorare solo 20 ore a settimane durante il periodo scolastico e 40 ore, quindi full time, durante le vacanze.

 

Ragazza alla pari in Australia e lavoro in cambio di alloggio

Per le ragazze che amano prendersi cura e giocare con i bimbi, una possibilità è quella di trovare lavoro come ragazza alla pari in una famiglia, facendo piccoli lavoretti domestici e accudendo i bimbi in cambio di vitto, alloggio e una piccola paga settimanale. Ci sono vari siti e agenzia a cui potete fare riferimento, tra cui:

https://www.aupairworld.com/it/programmi-au-pair/australia

https://www.aifs.com.au/aupair-australia/

Anche se ci sono gruppi e annunci su internet è sempre meglio fare affidamento ad agenzie che selezionano le famiglie e offrono una certa sicurezza.

Per chi invece ama lavorare in un ambiente dinamico e a contatto con i giovani, ci sono diversi ostelli in tutte le località che offrono alloggio gratis in cambio di aiuto in varie mansioni, dalla reception alle pulizie.  Potrebbe essere una soluzione comoda all’inizio mentre siete alla ricerca di un lavoro retribuito.

 

Lavorare nelle farm in Australia e rinnovare il visto

C’è poi il lavoro stagionale nelle fattorie, ma dato che è un tema abbastanza complesso e lungo, ho scritto un articolo al riguardo che trovate  a questo link.

lavorare in australia

Come trovare lavoro in Australia: i siti, le app e le agenzie di collocamento

 

I siti internet

Uno dei modi più utilizzati per cercare lavoro è tramiti i siti web. Alcuni sono più famosi/specializzati di altri  in ogni caso ho cercato di raggrupparvene un po’:

Anche se vi invito a dare un’occhiata a tutti questi siti, tenete presente che ciascuno è diverso dall’altro in termini di tipologia di annunci: seek e adzuna, ad esempio, presentano un numero maggiore di annunci di professioni specializzate o lavori d’ufficio, indeed e jora sono maggiormente dedicati ai lavori temporanei nella ristorazione e in hospitality.

Agenzie di collocamento in Australia

Se avete esperienza e qualifiche in un determinato settore potreste voler provare a cercare lavoro nel vostro campo e in questo caso, oltre a candidarvi tramite i siti web, vi consiglio di provare tramite le agenzie di collocamento presenti nella città australiana in cui vivete, che oltre a mettervi in contatto con le aziende possono aiutarvi a creare un curriculum ad hoc e a preparare il colloquio. Ce ne sono tantissime di agenzie  ma tra le più grandi e conosciute vi segnalo Adecco e Hays

 

Presentarsi di persona

Se in particolare siete  alla ricerca di un lavoretto temporaneo nel campo della ristorazione, la migliore possibilità di ottenerlo è candidarsi di persona.

Molte attività, infatti, non pubblicizzano la ricerca di personale, ma fanno affidamento sul passaparola oppure pubblicano post sui gruppi e/o appendono annunci all’esterno del locale. Quindi vi consiglio di armarvi di un po’ di copie del vostro resumé e passare per i vari ristoranti e locali per lasciarne una copia.

 

Se avete una qualifica professionale riconosciuta in Australia

Se avete una qualifica professionale riconosciuta in Australia, scrivete a un’organizzazione professionale australiana per informazioni e consigli. L’appartenenza ad una determinata associazione può essere obbligatoria per lavorare in Australia, come nel mio caso per la mia qualifica di traduttrice: in Australia per diventare traduttori certificati NAATI dove superare un test oppure seguire corsi riconosciuti molto costosi. Informazioni su professioni, settori e settori specifici, in particolare opportunità di lavoro in singoli stati, città o aree, possono essere ottenute dalle camere di commercio locali in Australia.

 

Un ultimo consiglio per trovare lavoro in Australia: l’importanza del “networking”

Se pensate di aver lasciato alle spalle quel mondo in cui “vengono assunti gli amici di…”, mi dispiace deludervi 🙂 No, scherzi a parte il networking è in Australia una strategia fondamentale per trovare lavoro e un modo popolare di stabilire contatti commerciali e professionali in Australia.

Pubblicizzate il fatto che state cercando un lavoro con conoscenti, amici, compagni di corso e con chiunque entrate in contatto e che magari possa esservi d’aiuto.

Se siete già in Australia, postate sui gruppi o iscrivetevi alle community di italiani che vivono nel paese o in una determinata città, alle associazioni culturali italiane ed espandete la vostra cerchia di conoscenze, non solo per aiutarvi nei primi passi nel nuovo paese ma anche per trovare lavoro.

Lavorare in Australia

Spero di avervi dato un po’ tutte le informazioni del caso, se avete altre cose da aggiungere e consigli, lasciate un commento qui sotto! 🙂