Se è il vostro primo viaggio a New York City, potreste sentirvi un po’ spaesate e non sapere da dove iniziare nella ricerca dell’alloggio e vi capisco: ci sono passata anch’io! 🙂

Trovare una sistemazione a New York non è semplice se viaggi sola in quanto devi riuscire a trovare un compromesso tra budget, posizione e sicurezza, considerando anche che trovare una camera singola a New York è praticamente una “mission impossible”! Comunque dopo aver vissuto nella Grande Mela per un po’ da sola, eccovi una serie di consigli ad hoc per vivere al meglio la vostra esperienza newyorchese!

Dove dormire a New York se viaggi sola
Skyline New York

Dove dormire a New York

Ogni area di New York vi offre una prospettiva e un’esperienza diversa ed è difficile dare un consiglio che vada bene a tutte poiché ciascuna di voi avrà le proprie preferenze/gusti in merito. New York è una città costosa per quanto riguarda le sistemazioni, quindi ho cercato di scovare alcuni dei migliori hotel, dagli ostelli economici agli eleganti hotel centrali che vi faranno sentire proprio al centro della scena. Se volete qualche consiglio sui quartieri più sicuri di New York fate riferimento al mio articolo a questo link, tuttavia come sempre ci tengo a precisare che se vi fermate pochi giorni vi suggerisco di restare a Manhattan o ad un massimo di 15-20 minuti con la metro da Manhattan, altrimenti potete considerare appartamenti e hotel in altre zone.

Dove alloggiare nel centro di Manhattan

Ace Hotel.  L’Ace Hotel è un hotel/ostello  di fascia media, perfetto per chi viaggia da solo e in particolare per i “nomadi digitali”. Infatti la sua hall durante il giorno si riempie di freelancer che lavorano al computer e si ritrovano a chiacchierare con altri ragazzi e colleghi. La sua hall accogliente e vivace è stata per me il rifugio “lavorativo” di molti pomeriggi, mentre alla sera diventa un luogo dove ascoltare musica e bere un drink fino a notte fonda. Adiacente alla hall c’è il bar Stumptown Coffee che fa un caffè davvero buono! Si trova proprio nel centro di Manhattan ed è quindi una base strategica. Non è propriamente economico ma ha anche camere con vista sull’Empire State Building…

Colazione allo Stumptown Coffee

Redbury Hotel. Il Redbury Hotel ha una storia affascinante. Questo hotel di New York era un tempo (1903)un hotel per sole donne inaugurato con il nome “The Women’s Hotel” e poi ribattezzato “Martha Washington”. L’hotel offriva alloggi per donne in carriera, per lo più di classe media. Oggi l’hotel è aperto a tutti, ma conserva un design e uno stile molto femminile ed è ancora gestito in gran parte da donne. Si trova nel quartiere NoMad, tra Madison Avenue e Park Avenue South.

Jazz on Columbus Circle. A Midtown è difficile trovare un alloggio economico di buona qualità. Ma Jazz on Columbus Circle è in un’ottima posizione (a soli 5 minuti a piedi da Central Park) e offre letti in dormitorio (sono disponibili dormitori femminili) con un buon rapporto qualità/prezzo. Pulito e sicuro, offre una colazione leggera inclusa.

 The Leon Hotel. I prezzi sono molto alti a sud della 14a strada, ma probabilmente l’opzione migliore (e più pulita) in centro è The Lion Hotel, nel Lower Manhattan. Chinatown non ha l’aspetto da cartolina di SoHo o dell’East Village, ma è un’ottima base per esplorare Manhattan e sarete vicinissime a Little Italy, NoLiTa e SoHo.

Hotel 50 Bowery. Affacciato sulla Bowery, una delle arterie che attraversano il centro, questo boutique hotel di recente apertura è un gioiello. A nord avete Little Italy e SoHo, e a sud, Chinatown e il Ponte di Brooklyn. Una posizione perfetta e splendide camere (con una vista spettacolare ai piani più alti), ma il vero protagonista è il bar sul tetto, che a mio avviso batte la vista dello Standard.

Dove dormire a Brooklyn e nel Queens
Dove dormire a Brooklyn e nel Queens

Dove dormire a Brooklyn e nel Queens


Hotel economici a Brooklyn e nel Queens

A breve distanza in metropolitana da Midtown Manhattan, The Local NY nel Queens è un ostello accogliente e cordiale (con un altro fantastico bar sul tetto!). Ha un’atmosfera più accogliente di quella che potresti trovare a Manhattan e con un buon rapporto qualità/prezzo.

Il miglior ostello a Brooklyn?

Il NY Moore Hostel è spazioso, arioso e ben progettato. Bushwick e Williamsburg sono facilmente raggiungibili e Manhattan è a circa 25 minuti con il treno J. Il personale è super cordiale e ci sono tè e caffè gratuiti. 

Dove dormire a New York
Brooklyn

Airbnb a New York City

Se avete intenzione di trascorrere un periodo abbastanza lungo a New York vi consiglio di optare per Airbnb perché non solo vi consente di risparmiare parecchio (in media una camera per un mese la pagate quasi quanto una stanza per una settimana in hotel) ma vi permette anche di alloggiare in una casa americana e spesso in un quartiere residenziale molto tranquillo. Purtroppo considerate però che le stanze affittate su Airbnb sono sempre doppie e anche se si paga un po’ meno se si viaggia da sole, la differenza non è tanta. Spesso però viene fatto uno sconto a chi prenota per un lungo periodo.


Dopo aver passato 3 mesi a New York “testando” un paio di appartamenti prenotati con Airbnb, devo dire che oltre ad offrire una delle esperienze più autentiche che si possano fare a New York, offre una certa comodità. Ho soggiornato per più di un mese a Brooklyn (Park Slope) per poi spostarmi a Long Island City nel Queens e devo dire che sono stata abbastanza fortunata nella scelta. Nel primo caso ho trovato un grazioso appartamento abitato da una signora e avevo davvero tutto a portata di mano, inclusa la lavatrice e un bagno privato solo per me, che a New York sono un vero lusso. Nel secondo caso ho prenotato una stanza in un appartamento con due studentesse anche in questo caso mi sono trovata bene ed essendo un edificio abbastanza recente aveva la zona lavanderia al piano terra (devo dire che mi sono sentita molto in un telefilm americano!).

Dove dormire a New York
Il viale del mio appartamento a Brooklyn 🙂

Le Residenze per Donne a New York

Le Residenze per Donne sono una bellissima realtà di New York e hanno una storia secondo me interessante e poco conosciuta.

Oggi ne restano all’incirca 9 di queste residenze, tra cui il Webster Apartments, il Residence Jeanne d’Arc di Chelsea, il Pink Dorm dell’East Village e il Residence Centro Maria di Midtown West, tutti con le loro avvincenti storie. Le regole variano a seconda del luogo, con alcune residenze che impongono coprifuoco e il divieto di alcol, e una regola in comune: non sono ammessi ragazzi.

In passato questa tipologia di alloggi era molto più numerosa: quando il Webster Apartments aprì nel 1923, c’erano decine di hotel e residenze per sole donne in tutta Manhattan. Il primo alloggio di questo tipo fu sviluppato alla fine del XIX secolo quando le donne iniziarono a lavorare fuori casa. Nel 1899, c’erano tra le 60.000 e le 70.000 donne lavoratrici a New York.

Gli alloggi erano pensate per la sicurezza delle donne e per offrire una sorta di protezione e luogo di sosta per le donne indipendenti in attesa di matrimonio.

Un altro particolare molto bello è che molte delle residenze aperte durante questo periodo di sono state avviate o gestite da donne, come la Martha Washington sulla East 29th Street (oggi un hotel) e la Panhellenic Tower su Mitchell Place (oggi la Beekman Tower che ha un hotel e appartamenti).

La residenza per sole donne più famosa fu la Barbizon, aperta nel 1927 sulla East 63rd Street, e oggi un condominio. Questo luogo fu reso popolare da alcune celebrità come Lauren Bacall, Joan Crawford, Grace Kelly e Sylvia Plath che lo hanno consacrato come un posto elegante e ricercato in cui vivere.

Quando i tempi cambiarono le residenze hanno iniziato a ridursi e molti edifici furono venduti e riqualificati. Oggi dei nove rimasti, sette sono gestite da suore cattoliche e in molti casi è necessario compilare un’application online per alloggiare qui.

Per chi sono adatte le Residenze delle donne di New York?

In generale sono per donne che lavorano, studiano o fanno un tirocinio a New York, o comunque per chi si ferma un periodo abbastanza lungo (almeno un mese) ma ciascuna struttura ha le proprie regole e condizioni. Se vi fermate a New York per un periodo abbastanza lungo per fare un’esperienza lavorativa o di viaggio vi consiglio di approfittarne perché hanno prezzi davvero convenienti rispetto agli appartamenti classici e gli hotel.

Webster Apartments (419 W. 34th St.) ad esempio è, ed è sempre stato, per la donna che lavora, quindi si accettano solo donne che lavorano o fanno un tirocinio a New York. Venne fondata dai fratelli Charles e Josiah Webster, arrivati a New York per lavorare con Roland H. Macy dei grandi magazzini Macy’s, dove erano impiegate centinaia di giovani donne.

Pink Dorm (307 E. 14th St) invece potrebbe essere una soluzione interessante per chi viaggia per un lungo periodo perché accetta anche viaggiatrici che soggiornano almeno un mese. Offre varie tipologie di stanze e a vari prezzi come potete vedere sul sito ufficiale.

Qui vi elenco le altre residenze:

  • Jeanne d’Arc Residence, 253 W. 24th St.
  • The Markle Evangeline Residence, 123 W. 23rd St.
  • Saint Agnes Residences, 237 W. 74th St.
  • Sacred Heart Residence, 145 E. 39th St.
  • St. Mary’s Residence, 225 E. 72nd St.
  • Centro Maria Residence, 539 W. 54th St.
  • St. Joseph’s Immigrant Home, 425 W. 44th St.